🔥 USA aperti al turismo da novembre. 🔥

Itinerario - Via Francigena: in cammino da Siena a Viterbo

giorno 1

Siena

culture
100 %
Benvenuti a Siena!
Vedi mappa
I trasporti da/per Siena non son inclusi nel pacchetto, così potrai decidere da dove partire e a che ora arrivare. Questo per darti la massima libertà di scelta!  Check-in in hotel a Siena e meeting di benvenuto. Nel pomeriggio abbiamo tempo per iniziare ad esplorare questa bellissima città, una delle più rinomate della Toscana, ricca di storia, monumenti e piazze come la celeberrima Piazza del Campo, da molti ritenuta una delle più belle d’Italia. Ma c’è un cammino da preparare ed è buona abitudine iniziare con un warm up e scaldare le gambe: 400 scalini vi sembrano sufficienti? Saliremo, infatti, sulla Torre del Mangia, ovvero la torre civica, adiacente al Palazzo Comunale, dalla quale si può ammirare un panorama mozzafiato: ben 87 metri di altezza, una salita che metterà a dura prova la vostra atleticità e una vista sulla città decisamente imperdibile. E quale occasione migliore della cena di benvenuto per prendere confidenza con le specialità gastronomiche del posto? Dai pici alla ribollita, passando per una bistecca di carne chianina...stasera dimentichiamo la dieta, a smaltire ci penseremo nei prossimi giorni!​
Cena di benvenuto inclusa nella quota viaggio. Ulteriori pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 2

Da Siena a Ponte D’Arbia - 25,7 km

nature
100 %
I nostri primi 25 chilometri :)
Vedi mappa
Inaugureremo il nostro primo di cammino con qualcosina in più di 25 chilometri: questo significa iniziare col botto! La tappa di oggi è un percorso suggestivo che si svolge lungo le strade bianche della Val D'Arbia, con panorami caratterizzati dal profilo di Siena e dalle grandi distese di grano. A Grancia di Cuna, interessante borgo medievale, visitiamo la chiesa di S.Iacopo per poi proseguire fino ad arrivare alla nostra meta finale, Ponte d’Arbia, dove non ci faremo mancare una bella doccia prima di sederci a tavola per cena.
Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 3

Da Ponte D'Arbia a San Quirico - 26,2 km

nature
100 %
Dalla Val D'Arbia alla Val D'Orcia
Vedi mappa
Secondo giorno di cammino e tappa di lunghezza simile a quella di ieri: poco più di 26 chilometri da percorrere. I primi chilometri della tappa sono molto leggeri e conducono, lungo un tracciato parallelo alla strada asfaltata, a Buonconvento, uno dei borghi più belli d’Italia e decisamente il posto perfetto per concederci una seconda colazione.Con le pance piene, o comunque non senza aver degustato un buon caffè, ci rimetteremo in cammino percorrendo un tratto di sentiero parallelo alla provinciale per Montalcino, entrando così nei panorami da sogno della Val d'Orcia lungo un percorso per strade bianche che ci porta a Torrenieri. Da qui utilizziamo un tratto della Cassia dismessa, purtroppo ancora asfaltata, e poi una bella strada sterrata per raggiungere San Quirico d’Orcia, un borgo antichissimo di probabile origine etrusca, posto a 424 metri sul livello del mare, immerso in un paesaggio fatto di colline, oliveti, vigneti e di boschi di querce. E dopo tante ore di cammino una doccia calda, un massaggio ai piedi e un pasto caldo ci rimetteranno al mondo! 
Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 4

Da San Quirico a Radicofani - 32 km

nature
100 %
32 chilometri: pellegrini o maratoneti?!
Vedi mappa
Weroaders, sveglia! Dopo una sostanziosa colazione siamo pronti per affrontare i 32 chilometri che separano San Quirico dalla nostra destinazione finale, Radicofani. Cammineremo per tutto il giorno in quella che sarà la tappa più impegnativa tra quelle che affronteremo durante questo cammino, con salite e discese lungo brulle colline...ve l'avevamo già detto che i pellegrini avevano un gran fisico, vero? Dei veri maratoneti...o quasi!Lungo il percorso non mancheremo di visitare l'antico borgo di Bagno Vignoni, situato nel cuore della Val d'Orcia, uno dei luoghi più suggestivi di tutta la Toscana. Le acque che sgorgano in questo luogo vennero utilizzate fin dall'epoca romana a scopi termali tanto che, nella cinquecentesca e bellissima vasca rettangolare che occupa il centro del piccolo villaggio, si bagnarono Santa Caterina da Siena e Lorenzo il Magnifico. Il cammino per arrivare a Radicofani è in salita ma non ci faremo scoraggiare da questo piccolo dettaglio, vero?! La prima cosa che salta agli occhi a chiunque si avvicini a Radicofani è la sua fortezza, che domina incontrastata il panorama. La Rocca, che per anni ha segnato il confine fra il Granducato di Toscana e lo Stato Pontificio, si erge su un colle a 896 metri di altezza fino a raggiungere i 960 m. È questo il punto più alto di tutta la Val d’Orcia ed offre una visuale magnifica su tutto ciò che la circonda.E dopo aver percorso questa tappa, una bella cena sostanziosa ce la saremo meritata; ma prima doccia, massaggino ai piedi e un bel bicchiere di rosso come li vedete?!
Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 5

Da Radicofani a Acquapendente - 24 km

nature
100 %
Una tappa che inizia in discesa :)
Vedi mappa
Finalmente una tappa che inizia scendendo! 10 km di continua discesa, fino alla congiunzione con la Cassia, su una strada in terra battuta; la discesa da Radicofani lungo la vecchia Cassia è uno dei tratti più belli ed emozionanti dell'intera Via Francigena: attorno a noi colline a perdita d'occhio e il Monte Amiata, e dietro di noi la Rocca di Radicofani. Cammineremo poi fino a raggiungere il tratto che percorre la strada statale Cassia tra Centeno e Ponte Gregoriano, in cui, purtroppo, si è costretti a camminare sulla sede stradale In alternativa è possibile percorrere la variante che passa per Proceno, più lunga ma più gradevole e sicura.E lungo il percorso, senza neanche accorgercene, siamo finalmente entrati in Lazio: bye bye Toscana, alla prossima!
Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 6

Da Acquapendente a Bolsena - 23 km

nature
100 %
Indimenticabili scorsi sul Lago di Bolsena
Vedi mappa
La giornata, come sempre, inizierà con un’ottima colazione prima di uscire dalla città e iniziare la prima parte di percorso lungo una strada bianca che attraversa alcune coltivazioni.In meno di tre ore, precisamente a metà del percorso, raggiungeremo il primo centro abitato della giornata, San Lorenzo Nuovo, e qui, ad accoglierci c’è una bellissima piazza ottagonale, denominata Piazza Europa: basterà affacciarsi sulla strada che continua alla fine della piazza per intravedere il Lago di Bolsena in tutto il suo splendore.Fino a Bolsena il percorso continuerà in un piacevole saliscendi che vedrà alternarsi uliveti, prati e boschi; la caratteristica che questi diversi paesaggi hanno in comune sono i fantastici scorci sul lago che ogni tanto si lascia intravedere e sapete cosa ci aspetta una volta arrivati, vero?! Bagnettooooo.
Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 7

Da Bolsena a Montefiascone - 18 km

nature
70 %
culture
30 %
Montefiascone e Civita di Bagnoregio
Vedi mappa
Quella di oggi sarà una tappa relativamente corta il che significa che stamattina potremmo prendercela un po’ più comoda e rimanere qualche altro minuto sotto le coperte.  Tra uliveti e macchie di boscaglia il percorso si allontana da Bolsena e, con continui saliscendi e splendide viste sul lago, ripercorrendo alcuni tratti in basolato dell'antica via Cassia.  La meta della tappa odierna è Montefiascone, definita la perla dell'alto Lazio, distante solo pochi chilometri dall'incantevole e famosissima Civita di Bagnoregio, che, stanchezza permettendo, non mancheremo di andare a visitare!
Escursione facoltativa a Civita di Bagnoregio inclusa in cassa comune. Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 8

Da Montefiascone a Viterbo - 18 km

nature
70 %
relax
30 %
Vedi mappa
"Dimentica i passi che hai fatto, ricorda le impronte che hai lasciato”; con questa massima, riportata sul Monumento del Pellegrino, concludiamo oggi questo nostro cammino!  Lasceremo Montefiascone riprendendo il percorso dell'Antica Cassia: dopo più di 10 km ecco che finalmente davanti a noi si palesano le Terme del Bagnaccio dove la sosta è d’obbligo: sono cinque le vasche contenenti acqua termale a differenti temperature- fredda, ambiente, calda o bollente? Viterbo ormai dista solo 8 km perciò ci godiamo un po’ di relax, magari pranzando comodamente all'ombra di un gazebo, prima di rimetterci in cammino per percorrere gli ultimissimi chilometri di questo nostro viaggio!Arrivati a Viterbo ci sistemeremo in struttura e decideremo se riposarci o visitare la città; quello che è certo è che stasera ci aspetta la nostra cena di arrivederci, per ripercorrere insieme ogni chilometro che ci ha portato sin qui!
Cena di arrivederci inclusa nella quota viaggio. Ingresso alle terme incluso in cassa comune. Ulteriori pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.
giorno 9

Viterbo

culture
100 %
Check-out e saluti
Alcuni compagni di viaggio si fermeranno qui e dobbiamo salutarli: ci vediamo tutti prestissimo per un nuovo WeRoad!Per tutti quelli che invece vorranno continuare il proprio "cammino"... pronti a ripartire per la part 3 da Viterbo alla città eterna??N.B. Se hai intenzione di percorrere più tappe del cammino contatta il nostro servizio clienti, una sorpresa ti aspetta (e non sono cerotti per le vesciche)!
Fine dei servizi di WeRoad. N.B. Il programma del tour potrebbe subire variazioni, rispetto a quanto pubblicato, per motivi non prevedibili ed esterni alla volontà di WeRoad (condizioni climatiche, festività, scioperi, ecc.).
Vedi mappa