Prenoti per due? Ti regaliamo la camera doppia in queste destinazioni!

Thailandia

Scopri tutti i nostri viaggi!

I nostri viaggi in Thailandia

Antiche rovine e moderni grattacieli, Buddha dorati in palazzi opulenti, templi silenziosi, natura incontaminata, isolette sperdute e feste sulla spiaggia: questa è la Thailandia. Le cose da fare, i posti da vedere, i cibi da assaggiare sono così tanti che un itinerario non basta per conoscere questo Paese in ogni sua sfaccettatura, ma noi ci proviamo.

Da aprile a ottobre
Da novembre a maggio
Da giugno a ottobre
Da novembre ad aprile
Da maggio a ottobre
WeRoadX
Da maggio a ottobre
Da novembre ad aprile
WeRoadX
WeRoadX
Collection

Thailandia, la terra del sorriso

Tutto quello che devi sapere

Scopri i nostri viaggi in Thailandia

Cuore pulsante del Sud Est Asiatico, incastonata tra il Golfo del Siam e il Mare delle Andamane, la Thailandia è un Paese ricco di storia, cultura, natura incontaminata, e un popolo estremamente ospitale. Bangkok, la capitale, ne è il centro nevralgico, con i tuk tuk che sfercciano tra le strade trafficate, facendosi spazio a suon di clacson, Khao San Road, la strada del divertimento per eccelleza, e i quartieri più moderni, con gli imponenti grattacieli che svettano sopra templi e pagode dai tetti dorati. Impossibile pensare di visitare la Thailandia senza fermarsi in questa città, ma è spingendosi verso gli angoli più remoti del Paese che se ne scopre la vera essenza, fatta di volti accoglienti e occhi sorridenti. Ovunque si respira, infatti, la sensazione che il viaggiatore sia sempre benvenuto - e quindi facciamolo, questo viaggio! Dalle antiche città imperiali fino a Chiang Mai e Chiang Rai, per poi perdersi nella giungla del Parco Nazionale di Khao Sok, tuffarsi nelle acque color smeraldo delle isole del sud, da Surin Island, a Ko Phi Phi, fino Mu Ko Ang Thong, e infine festeggiare tra le strade di Phuket o Krabi. Viaggiare in Thailandia non è difficile, e questa è la destinazione ideale se cerchi un prima meta per mettere il naso fuori dall'Europa - ti innamorerai della cultura, della cucina e soprattutto di questo popolo sorridente.

Leggi tutto

Thailandia in pillole

Paese che vai, usanze che trovi

Paese che vai, usanze che trovi

L'identità cultura della Thailandia si fonda su 3 pilastri: la monarchia, la nazione e la religione - ma non sono le uniche "cose sacre" per i thailandesi, questo è certo. Al netto di questo, però, il re è rispettato (e forse anche venerato) quasi come una divinità: è illegale, infatti, diffamare, insultare o minacciare il re, la regina e l'erede al trono, e chi osa farlo rischia dai 3 ai 15 anni di prigione. Insomma, con la famiglia reale non si scherza - anche solo pestare una banconota a terra è considerato un gesto gravissimo, quindi occhio a dove metti i piedi! Anche i luoghi religiosi richiedono rispetto, quindi spalle e gambe coperte, si entra scalzi, e niente pose sciocche davanti a Buddha.

Un pilastro un po' più contenuto è sicuramente il muay thai, la boxe thailandese che ha origini antichissime (è nata bel 2.300 anni fa!) e che ad oggi è apprezzata e praticata praticamente in tutto il mondo. Sei vai a Bangkok, non puoi non andare ad assistere ad un incontro per vivere sulla tua pelle un po' dell'adrenalina che regala questo sport.

C'è poi l'arte del tatuaggio, un tempo riservata solo ai guerrieri, che prende il nome di Sak Yant - "sak" significa tatuaggio e ""yant vuol dire preghiera sacra. Per i thailandesi, il tatuaggio ha un alto valore spirituale, e credono che abbia addirittura poteri magici e la capacità di proteggere da ogni male - un tempo, infatti, solo i guerrieri si tatuavano, e ancora oggi, molti atleti di muay thai hanno il corpo ricoperto di tatuaggi tradizionali. Non pensare però che sia il classico tatuaggio: quello thailandese viene effettuato da un maestro tatuatore con la tecnica del bambù, e per poter prendere parte al "rito" bisogna dedicarsi a preghiera e meditazione.

La cucina thailandese

La cucina thailandese

La cucina thailandese è ricca di spezie (spesso piccanti), noodles di ogni tipo, pesce e frutti di mare, e gustosissima frutta tropicale - noi ti possiamo dire che una volta provato il tuo primo pad thai, farai fatica a farne a meno! Non mancano ovviamente le cucine regionali, quindi (ci ripetiamo!) ti raccomandiamo di andare al mercato locale, o di cercare i negozi/ristoranti tipici - di solito sono quelli dall'aspetto un po' meno invitante, ma controlla le recensioni su Google, perché quasi sempre sono i migliori! Cosa non perdersi, quindi?


Pad Thai: il grande classico della Thailandia, è un piatto a base di noodles di riso saltati in padella, uova, tofu, gamberi, polpa di tamarindo, salsa di pesce, zucchero, gli immancabili aglio e peperoncino e poi, per servire, arachidi sbriciolate - non manca la versione vegetariana, ovviamente! I migliori pad thai sono quelli fatti al momento in una qualche bancarella di strada - molto più buoni di quelli che puoi ordinare in un ristorante dall'aspetto più occidentale.


Mango Sticky Rice: il tipico dessert thailandese, è preparato con riso basmati glutinoso (quindi più appiccicoso) e latte di cocco, e accompagnato da mango giallo maturo a fette e salsa di cocco. Non ti convince? Non farti ingannare dalle apparenze, merita!


Laap: voglia di insalata? Beh, circa: il laap è un'insalata di carne macinata (pollo, manzo, anatra, pesce, maiale o funghi per la versione vegetariana) e riso tostato, aromatizzata con salsa di pesce, succo di lime e erbe fresche.


Green Curry: un piatto unico composto da manzo e verdure cotte e insaporite nel latte di cocco aromatizzato al curry verde - accompagnato, ovviamente, dal riso.


Gelato al cocco: quasi nessuno mette questo dessert tra i piatti tipici thailandesi, ma noi te lo consigliamo perché lo vendono praticamente ovunque ed è di una bontà unica. Servito all'interno della noce di cocco per quel tocco di esotico in più!

Cosa mettere nello zaino

Cosa mettere nello zaino

Cosa mettere nello zaino per un viaggio in Thailandia? Sicuramente abiti leggeri e traspiranti, viste le temperature e l'umidità - e ovviamente non può mancare il costume da bagno! Avere anche delle scarpe comode e possibilmente waterproof ti permetterà di goderti le escursioni nella giungla - ne vale la pena, credici! Altra cosa essenziale è la crema solare - qui il sole non scherza!

Cosa non dimenticarsi, quindi?
- t-shirts e top
- pantaloni corti
- almeno un paio di pantaloni lunghi leggeri per accedere ai luoghi sacri, che richiedono le gambe coperte
- un KW (perché serve sempre!)
- una felpa o una giacca per la sera
- scarpe da trekking/comode per le escursioni
- cappellino e occhiali da sole
- costumi da bagno
- infradito
- un outfit più "tirato" per le uscite serali
- se ti avanza spazio, anche maschera e boccaglio - ma li puoi tranquillamente noleggiare a destinazione!

Cose da sapere

Cose da sapere

Viaggiare o organizzare un viaggio in Thailandia non è complesso: il Paese è abituato ad avere turisti e viaggiatori ed è pronto ad accoglierli, sia per quanto riguarda le strutture che i mezzi di trasporto interni. Se hai molto tempo a disposizione e non hai una data precisa di rientro (beato te!), puoi prenotare solo la prima struttura e poi costruire il tuo itinerario una volta a destinazione, magari chiedendo consigli ai local, sempre disposti a dare una mano. Se invece hai le classiche due settimane, meglio pianificare: decidi le tappe, prenota le strutture e anche i grossi transfer interni, come voli, treni, bus o van privati. Controlla bene le stagionalità a seconda delle zone che visiti, soprattutto nel sud: in quest'area, è meglio andare nella costa ovest da novembre e aprile, mentre in quella est tra maggio e ottobre.
La Thailandia è un Paese sicuro, anche se, ovviamente e come si dovrebbe fare ovunque, bisogna mantenere la testa sulle spalle. Non è complesso organizzare escursioni - l'offerta è ampia e un po' per tutte le tasche - e il costo della vita è basso. Il nostro consiglio è quello di mangiare nei mercati locali, perché, oltre a risparmiare (un buon piatto di pad thai e dell'acqua costano attorno ai 2€), ti immergerai completamente nella vita quotidiana locale - i thailandesi, infatti, non amano cucinare e sono qui ad ogni pasto! Un'altro modo per conoscere meglio i local è quello di utilizzare mezzi di trasporto locali - altrimenti, se non ti va di aspettare il bus, scarica l'app Grab (corrisponde al nostro Uber!) per chiamare taxi o scooter, o noleggiare bici e monopattini.
Ci sono tre cose sacre per i thailandesi: i luoghi religiosi, la monarchia e la contrattazione. Quindi: quando entri nei templi o nei luoghi religosi, ricordati di vestirti in modo modesto (vanno coperte spalle e ginocchia) e di comportanti seguendo le regole (come togliersi le scarpe); evita commenti irrispettosi sulla famiglia reale o di trattare con poco riguardo gli oggetti che raffigurano il re; contratta per ogni cosa - qui se lo aspettano sempre!

Visto, SIM, costo della vita: altre info utili

Visto, SIM, costo della vita: altre info utili

Pagamenti: in Thailandia si paga praticamente tutto con i contanti in moneta locale, i baht. Porta con te dei contanti in euro dall'Italia da cambiare in loco - prelevare ha costi abbastanza elevati, ti consigliamo di farlo solo per necessità. Ricordati, inoltre, di contrattare per tutto - è usanza locale e puoi fare grandi affari!


Costo della vita: la Thailandia è un Paese molto economico. Se mangi al mercato locale, puoi spendere anche solo 2€ per pasto - considera quindi un budget giornaliero per i pasti attorno ai 10€. Il budget ovviamente si alza se deciderai di mangiare in ristoranti occidentali - in questi posti spenderai circa 20/25€.


SIM card: ti consigliamo di controllare le offerte per la Thailandia del tuo operatore telefonico prima di partire. Se non convenienti, ti consigliamo di fare una SIM locale appena arrivato in aeroporto o a Bangkok - ci sono diverse compagnie telefoniche con vari piani, puoi scegliere quello che fa al caso tuo.


Visto: per soggiorni inferiori ai 30 giorni non avrai bisogno di visto. È necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità residua.


Prese elettriche: in Thailandia ci sono sia prese con spinotti piatti (tipo A e B), che prese con spinotti tondi (tipo C, F e O), come quelli usati in Italia. Noi consigliamo sempre di portare un adattatore universale, che non si sa mai.

<p>La Thailandia ha un <strong>clima tropicale monsonico</strong>, caldo per la maggior parte dell'anno. Si possono distinguere <strong>3 stagioni</strong> distinte: quella <strong>secca</strong>, da novembre a febbraio, con piogge scarse e umidità contenuta; quella <strong>calda</strong>, da marzo a giugno, con temperature elevate accompagnate dall'afa; e quella <strong>delle piogge</strong>, da maggio ad ottobre, caratterizzata da forti temporali soprattutto nel pomeriggio.</p>

Il clima durante l'anno

La Thailandia ha un clima tropicale monsonico, caldo per la maggior parte dell'anno. Si possono distinguere 3 stagioni distinte: quella secca, da novembre a febbraio, con piogge scarse e umidità contenuta; quella calda, da marzo a giugno, con temperature elevate accompagnate dall'afa; e quella delle piogge, da maggio ad ottobre, caratterizzata da forti temporali soprattutto nel pomeriggio.

Gen
21°
32°
Feb
23°
33°
Mar
25°
34°
Apr
26°
35°
Mag
26°
34°
Giu
26°
33°
Lug
26°
33°
Ago
26°
33°
Set
25°
32°
Ott
25°
32°
Nov
24°
31°
Dic
21°
31°

Cosa vedere in Thailandia? I 5 luoghi da non perdere

Bangkok

La capitale della Thailandia, Bangkok, è il cuore pulsante e il centro nevralgico del paese - oltre ad essere un mix di antico e moderno, sacro e profano, quiete e caos. Tappa immancabile di ogni viaggio in Thailandia che si rispetti, noi ti consigliamo di dedicarle almeno 3 giorni pr viverla appieno e riuscire ad incastrare tutti i luoghi che meritano una visita. Se non sai bene dove prendere il tuo hotel, meglio optare per la zona di Khao San Road, la strada della festa per eccellenza - qui la musica risuona fino alle prime luci del giorno e potrai immergerti nella movida thailandese. Non lontani da qui, ci sono il Wat Pho, un complesso religioso enorme con al suo interno la statua del Buddha Sdraiato più grande del mondo; il Wat Phra Kaew, noto anche come Tempio del Buddha di Smeraldo; il Gran Palazzo Reale, antica residenza dei sovrani thailandesi; e, appena al di là del fiume Mae Nam Chao Phraya che attraversa Bangkok, c'è anche il Wat Arun, conosciuto come Tempio dell'Alba. Non perderti i mercati locali - nel weekend c'è quello di Chatuchak, che con le sue 15.000 bancarelle è il più grande del Paese, e appena fuori Bangkok ci sono quelli galleggianti, come il Mae Klong o il Damnoen Saduak - né il Wat Saket, il Monte d'Oro, per avere un panorama mozzafiato sulla città. Merita una visita anche Chinantown, caotica e ricca di street food da assaggiare, e il quartiere di Talad Noi, meno conosciuto ma incredibilmente caratteristico.

Chiang Mai

Incastonata tra le montagne del nord, Chiang Mai è una città ricca di storia, templi e antiche rovine, tanto che viene chiamata "la Rosa del Nord". C'è molto da vedere, qui: ti consigliamo di fermarti almeno una notte e, se hai tempo, anche due. Cosa vedere a Chiang Mai? Devi partire dal centro storico, una specie di enorme labirinto circondato da mura e pieno di templi buddisti in stile Lanna, il regno di cui la città fu capitale. Metti in lista il Wat Chedi Lunag e il Wat Phan Tao, due complessi maestosi con imponenti statue di Buddha dorati e giardini che sono piccoli regni di pace, e anche il ben più importante Wat Phra Singh. Appena fuori dalla città ti potrai immergere nel Parco Nazionale di Doi Suthep, all'interno del quale si trova l'incredibile Wat Phra That Doi Suthep, un tempio che si erge sulla cima di una collina - per arrivarci, ci sono ben 300 gradini da affrontare, ma la fatica sarà ripagata dal panorama a 360° di Chiang Mai e dintorni. Se cerchi un po' di pace, potresti valutare di trascorrere una giornata al lago di Huay Tung Tao, dove i local trascorrono il finesettimana tra tuffi e scorpacciate di buon pesce.

Ayutthaya e Sukhothai

Se hai voglia di immergerti nella storia della Thailandia, ci sono due opzioni che accontentano tutti. Se non hai intenzione di spingerti verso nord, Ayutthaya è la destinazione che fa per te perché si trova a circa 80 km a nord di Bangkok ed è quindi visitabile in giornata. Fu capitale del regno del Siam e il parco storico è Patrimonio dell'UNESCO. Famosissima qui è la statua del Buddha incastonata tra le radici di un'albero, ma ci sono tanti altri punti di interesse, come il Wat Phra Mahathat, il Wat Ratburana, e il Wat Phanan Choeng, che custodisce un'imponente Buddha di 19 metri. Raggiungibile via treno, e quindi molto più a nord rispetto a Bangkok, c'è un'altra antica capitale del Siam (nome della Thailandia prima del 1939), Sukhothai, oggi centro storico di enorme importanza per il Paese, a cui ha lasciato una immensa eredità artistica e culturale. Il sito più importante che visiterai qui è proprio il parco storico, che conta le rovine di quasi 200 templi distibuiti in un'area di 70 km quadrati. Il modo migliore per esplorare questo parco è in bicicletta: la potrai noleggiare all'ingresso e poi goderti il sito pedalando tra templi e Buddha. Vista la grandezza, ti consigliamo di concentrarti magari solo su un'area del parco: la zona centrale è quella più integra e caratteristica, con 21 siti e 4 stagni, e qui si trova il Wat Mahathat, il più grande dei templi dell'antica città.

Surin Island

È difficile sbagliare, quando si tratta di scegliere una delle tante isole nel sud della Thailandia per trascorrere qualche giorno di relax tra mare e paesaggi da cartolina. Anche noi abbiamo fatto fatica a sceglierne solo una, perché nella nostra lista ci sarebbero anche Krabi e Railey Beach, le incredibili isole di Koh Phi Phi (con la famosissima Maya Bay), Koh Samui, Koh Phangan e Koh Tao - per non parlare del Parco Nazionale di Mu Ko Ang Thong, un arcipelago di 42 isole dall'aspetto paradisiaco. Se però dobbiamo consigliarti un luogo da mettere assolutamente nel tuo itinerario di viaggio in Thailandia, sarebbe l'arcipelago delle isole Surin, situato nel Mar delle Andamane, che è anche un Parco Nazionale Marino. Un vero e proprio angolo di paradiso: la popolazione locale, chiamati gli "zingari del mare", conta a malapena 250 anime, quindi capisci anche tu che venire da queste parti significa godersi appieno la natura e il mare, in un contesto completamente diverso a quello a cui siamo abituati nella vità di tutti i giorni. Qui dormirai in palafitte, o addirittura in alcune tende in riva al mare, e il tuo sonno e il tuo risveglio saranno accompagnati dal rumore delle onde. Le attività che potrai fare qui sono legate alla vita marina, quindi snorkeling e diving, ma anche kayak e SUP. L'unico consiglio che ti diamo è quello di controllare bene la stagione in cui andarci - il periodo migliore è quello della stagione secca, da novembre ad aprile.

Parco Nazionale di Khao Sok

Nel centro-sud della Thailandia, nella provincia di Surat Thani, si estende per circa 740 km quadrati il Parco Nazionale di Khao Sok, un polmone verde fatto di foreste tropicali, grotte calcaree e un lago che tutto può sembrare tranne che artificiale - e invece il Cheow Lan Lake non esisteva prima delle costruzione di una diga, nel 1987. Se ami la natura, non puoi non inserire una tappa in questo parco nel tuo viaggio in Thailandia - le attività e le escursioni da fare in questa zona sono tantissime, dai trekking nella foresta, sia notturni che diurni, alla visita ai santuari e centri di recupero degli elefanti, dove potrai anche vivere l'esperienza di cibarli e farci il bagno! Noi ti consigliamo di trascorrere qui almeno due notti, di cui una sulla terraferma, per fare escursioni nella natura (tra cui il bamboo rafting lungo il fiume!), e uno sull'acqua, dormendo in una casa galleggiante sul Cheow Lan Lake. Ti ritroverai in un paesaggio incantato, circondato da acqua, isolette e faraglioni, e da suoni della natura che mai avevi sentito prima in vita tua.