Torniamo a viaggiare

In sicurezza, un passo alla volta

L’Italia sta pian piano ripartendo e sembra che per chi voglia viaggiare ci sia qualche barlume di luce in fondo al tunnel - come sempre, speriamo non sia un treno.

Se avete in programma un viaggio WeRoad o volete prenotarne uno per l’estate, come prima cosa vi chiediamo di essere coscienziosi, per la vostra salute e per quella degli altri, e per garantire a tutti un viaggio piacevole.

In secondo luogo, leggete queste linee guida che abbiamo scritto seguendo quelle che sono le normative attualmente in vigore in Italia - se tali normative dovessero venire modificate, anche queste linee guida lo saranno.

Disclaimer: se, dopo aver letto attentamente le linee guida, avete dei suggerimenti o dei feedback su come potremmo migliorarle per consentire a tutti di viaggiare in sicurezza senza dimenticarci il piacere del viaggio, siamo tutt’orecchi. Le critiche, se costruttive, sono quelle che ci permettono di migliorarci, sempre.

Perché lo ripetiamo: abbiamo scritto queste linee guida seguendo quelle che sono le normative in vigore e, nel caso in cui le leggi dovessero cambiare, saremo i primi a seguire le nuove indicazioni.

Premesse finite, andiamo al sodo: cosa dovete fare o come dovete comportarvi se e quando partirete per un viaggio WeRoad? E WeRoad, cosa fa per voi?


Quello che dovete fare voi:

  1. 1. All'arrivo vi chiederemo di portare e firmare questa semplice autocertificazione. Per favore, prima di imbarcarvi per il vostro turno, chiedetevi anche con tutta onestà se siete pronti per partire, ed in particolare evitate di unirvi al gruppo se:

  • siete sottoposti a quarantena domiciliare obbligatoria

  • avete avuto sintomi respiratori, febbre o altri sintomi potenzialmente collegati a COVID-19 negli ultimi 14 gg

  • siete entrati in contatto con persone sottoposte a quarantena e/o con sintomi potenzialmente collegati a COVID-19 negli ultimi 14 giorni

  1. 2. Vi chiediamo di rispettare le regole di distanziamento sociale e le raccomandazioni di igiene contro il virus secondo le direttive italiane e del Paese ospitante del tour WeRoad nel caso di viaggio all’estero (controllare su viaggiaresicuri.it). Riceverete un breve brief da parte dei coordinatori al meeting di benvenuto.

  1. 3. Segnalare sintomi o positività.
    É importante segnalare a WeRoad tramite email a [email protected] la presenza di sintomi legati al COVID-19 o accertata positività entro i 14 giorni prima della partenza.

  2. 4. Ormai immancabili nello zaino: mascherina, guanti e gel igienizzante per le mani. Vi chiediamo di portare con voi questi compagni di avventure per tutta la durata del viaggio

  3. 5. Salvarsi i numeri verdi italiani utili per segnalazioni e informazioni relative l’emergenza COVID-19 o controllare su http://www.viaggiaresicuri.it/ nel caso di viaggio all’estero.

  4. 6. Scaricare Immuni: un'app che una volta scaricata sta lì e non dà fastidio, anzi, è utile per proteggere te e gli altri garantendo la privacy dei tuoi dati. La trovi negli App Store Google e Apple. Se hai dubbi su Immuni, visita https://www.immuni.italia.it/faq.html


Quello che fa WeRoad:

  1. 1. Abbiamo una nuova polizza assicurativa attiva su tutti i viaggi che copre le spese mediche in Italia fino ad un massimo di 1.000 euro e all’estero fino ad un massimo di 30.000 euro anche per il Covid-19. Il prezzo di tutti i viaggi ha subito quindi un leggero aumento di 10€, ma ci sembrava la misura più giusta da adottare in questo momento

  2. 2. Abbiamo fornito ai coordinatori una formazione ad hoc sul tema Covid-19. Inoltre chiediamo a tutti i coordinatori di adeguare i propri comportamenti per i 14 giorni precedenti al viaggio al fine di limitare al massimo il rischio contagio. Tutti i coordinatori hanno l’obbligo di firmare un’autocertificazione e comunicare giornalmente in ufficio il proprio stato di salute sia prima che dopo il viaggio

  3. 3. Scegliamo partner che ci garantiscono di osservare tutte le regole e i protocolli di sanificazione contro il Covid-19 e siamo in contatto con i nostri partner locali per assicurarci che vengano mantenute e osservate le normative adottate dal Paese di destinazione del viaggio per far fronte alla situazione Covid-19