🔥 USA aperti al turismo da novembre. 🔥

Viaggia in serenità

Scopri come viaggiare in Europa e fuori dall'Europa senza pensieri

Istruzioni per leggere questa pagina come si deve:

La pagina è lunghina perché ci sono un po' di info dato che il tema è delicato.

VIAGGIARE IN EUROPA E A LUNGO RAGGIO

Di cosa ho bisogno per viaggiare?

Certificazione digitale UE COVID-19

Fare test PCR o antigenico alla partenza e/o all'arrivo

Compilare il PLF

Cosa mi serve avere per potermi muovere all'estero?

Ogni Paese, europeo o extraeuropeo che sia, adotta misure ad hoc per far accedere i turisti. Consigliamo di consultare la pagina dell'itinerario specifico sul nostro sito e viaggiare sicuri, il sito ufficiale della Farnesina.

Cosa mi serve per rientrare in Italia?

L'Italia ha diviso i Paesi in diverse liste (quelle che ci interessano sono: LISTA C, LISTA D e LISTA E). In base a dove sono elencati, ci sono diverse misure da rispettare al rientro in Italia.

Di seguito trovi le liste e ciò che è necessario presentare al ritorno:

LISTA C
Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Riunione),Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania,Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco, Israele
  • Certificazione digitale UE COVID-19 per ciclo vaccinale completato
  • Plf
LISTA D
Albania, Arabia Saudita, Armenia, Australia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Brunei, Canada, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Giordania, Libano, Kosovo, Moldavia, Montenegro, Nuova Zelanda, Qatar, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale, basi britanniche nell’isola di Cipro), Repubblica di Corea, Repubblica di Macedonia del Nord, Serbia, Singapore, Stati Uniti d’America, Ucraina, Taiwan, Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao
  • Certificazione digitale UE COVID-19 per ciclo vaccinale completato;
  • Plf;
  • Tampone negativo eseguito nelle 72 ore precedenti al rientro (48 ore per Regno Unito);
  • Se non presenti uno dei due certificati, è previsto un isolamento fiduciario di 5 giorni.
LISTA E
Resto del mondo, vale a dire tutti gli Stati e Territori non espressamente menzionati in altri elenchi – si ricorda che, pur rientrando nell’elenco E, è prevista una disciplina specifica per gli spostamenti da/per Sri Lanka, Bangladesh, Brasile e India, indicata nella sezione dedicata ai Paesi Soggetti a Misure Speciali
  • Certificazione digitale UE COVID-19 per ciclo vaccinale completato;
  • Plf;
  • Tampone negativo eseguito nelle 72 ore precedenti;
  • Quarantena di 10 giorni al rientro e tampone di controllo al termine dell'isolamento fiduciario.

Perché WeRoad ha viaggi attivi in Paesi della lista E?

  • l'attuale DPCM è in vigore fino al 25 ottobre, nulla vieta di ipotizzare viaggi oltre quella data anche in lista E;

  • i Paesi che vedete in questa pagina sono tutti aperti per turismo, basta avere il Green Pass;

  • il pacchetto che vende WeRoad non include l'aereo, lasciando libertà al viaggiatore di arrivare da qualunque aeroporto del mondo. WeRoad, inoltre, ha una sede in Spagna e Gran Bretagna dove è assolutamente legale partire per turismo verso tutti questi Paesi.

VIAGGIARE IN ITALIA

Tutto quello che c'è da sapere per spostarsi sul territorio nazionale



Quando mi serve? Dove mi serve? Perché mi serve?
 

A partire dal 1 settembre 2021 (DECRETO-LEGGE 6 agosto 2021, n. 111, art. 2), il Green Pass o certificato equivalente sarà necessario:

  1. Per imbarcarsi su aerei, navi, traghetti, treni Intercity e Alta Velocità, autobus interregionali;

  2. All'interno di ristoranti;

  3. Per spettacoli, eventi e competizioni sportive;

  4. Musei, istituti e luoghi di cultura ;

  5. Piscine, palestre, centri benessere, centri termali ecc.

    Come si ottiene il Green Pass?

  •  almeno una dose di vaccino

  • essere risultati negativi a un tampone molecolare o antigenico nelle 48 ore precedenti

  • di essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti.

    N.B. Si ricorda che un certificato che attesti la somministrazione della prima dose di vaccino a due dosi (seconda dose in attesa di somministrazione) non è invece sufficiente ai fini dell’ingresso in Italia dall’estero. Per maggiori informazioni sul Green Pass: https://www.dgc.gov.it/web/

Fatemi partire!

È arrivata l'ora di un bel viaggetto extre-UE