Itinerario - Kazakistan: Astana, il Turkestan e il deserto del Mangystau in 4x4 per i Nomad Games

A partire da
1.749 €
Itinerario
giorno 1

Benvenuti in Kazakistan!

history
40 %
culture
100 %
relax
20 %
party
10 %
Astana, alla scoperta della moderna capitale

I voli aerei da/per l'Italia non sono inclusi nel pacchetto, così potrai decidere da quale aeroporto partire, a che ora e con la compagnia aerea che preferisci... Questo per darti la massima libertà di scelta!

Check-in in hotel ad Astana, ecco qui come funziona il ritrovo! Iniziamo a farci coinvolgere fin dal fascino di questa città, mix di storia e modernità.La nostra avventura inizia ad Astana, quella che è stata la capitale del Kazakistan dal 1997 fino al marzo 2019, quando è stata rinominata Nur-Sultan in onore di Nursultan Nazarbayev, che ha servito come presidente del paese per quasi tre decenni. Astana ha subito un rapido sviluppo e trasformazione diventando il simbolo dell'ambizione e della modernizzazione del paese.

Dopo le formalità di ingresso, siamo pronti per immergerci nella cultura locale con un tour che tocca i luoghi simbolo: partiamo da Piazza dell’Indipendenza, dove si trova la moschea Hazret Sultan, il Palazzo della Pace e dell'Armonia ed il monumento Bayterek Tower, l'iconica struttura a forma di albero con una sfera dorata sulla cima.Da qui potremo godere di una vista panoramica mozzafiato della città. Cena e serata in un ristorante locale per assaporare i primi piatti tradizionali.

Non incluso: transfer dall’aeroporto all’hotel, altri pasti e bevande

giorno 2

Burabay National Park

nature
100 %
history
10 %
culture
30 %
relax
10 %
La natura nei dintorni di Astana

La nostra avventura in terra kazaka inizia ufficialmente questa mattina: conosceremo la guida locale ed il driver che ci accompagneranno alla scoperta del Parco Nazionale di Burabay. Questo parco occupa 85.000 ettari nella parte nord-orientale di Astana. Nel mezzo della steppa la natura ha creato una combinazione di maestosi paesaggi collinari rocciosi, 14 laghi blu e boschi di conifere e latifoglie. Faremo un tour a piedi sulla riva del lago Borovoe, dove ammireremo le formazioni rocciose di "Ush-kyz", "Ok-Zhetpes", "Zhumbaktas" e la montagna "Kokshetau", ognuna con leggende sorprendenti che riflettono storia e identità di questo posto.

Dopo potremo fare una camminata sul Bolektau, una montagna da dove si possono ammirare le migliori viste sul Parco Nazionale Burabay. Per finire ci dirigiamo verso la Valle di Ablay Khan. Nel 1991, in questa valle è stato installato un obelisco molto particolare in onore del grande Khan kazako Abylai Khan per il suo 280° compleanno. Si  narra che centinaia di anni fa questo territorio apparteneva ad Abilay Khan e vi era installata anche la sua yurta principale. Nel pomeriggio torniamo ad Astana e prepararci al grande evento di domani.

Incluso: colazione, van privato con conducente, guida in inglese viaggio

Non incluso: pasti e bevande dove non indicato

giorni 3, 4

I World Nomad Games

history
50 %
culture
100 %
relax
20 %
party
10 %
World Nomad Games

Si prevede che la quinta edizione dei World Nomad Games riunirà circa 4.000 concorrenti e coinvolgerà circa 1.000 volontari. Tenutosi tre volte nella Repubblica del Kirghizistan e una volta in Turchia, il grande evento si svolgerà per la prima volta in Kazakistan e noi saremo presenti per vivere quest’evento unico al mondo!Sede principale del programma culturale sarà l’etno-villaggio Nomads’ Universe, che si estende su un’area di dieci ettari adiacente a Kazanat, un ippodromo progettato per competizioni di alto livello che potrà ospitare fino a 10.000 spettatori.

Composti da tre direzioni principali – sport, cultura e scienza – i giochi nomadi vedranno gli atleti competere per 110 serie di medaglie in 20 sport, inclusi gli sport equestri nazionali, diversi tipi di lotta, il tiro con l'arco tradizionale, la caccia con le aquile e gli sport intellettuali come i giochi da tavola tradizionali, nonché spettacoli di danze folkloristiche. Attualmente, il Kazakistan sta negoziando con 107 paesi che hanno espresso il loro interesse a partecipare ai quinti Giochi Mondiali dei Nomadi. Al Giorno 4 prendiamo un volo interno che in poche ore ci porta a Shymkent, nel Turkestan.

Incluso: biglietto di ingresso ai Nomad Games, guida in inglese e colazione

Non incluso: pasti e bevande dove non indicato

giorno 5

Turkestan, le meraviglie della Via della Seta

history
100 %
culture
80 %
relax
20 %
party
10 %
Benvenuti a Shymkent

Shymkent è la seconda città più popolosa del Kazakistan ed è un luogo dove passato e presente convivono in armonia. Infatti, la città fu fondata nel XII secolo come "Caravanserraglio" per proteggere la città di Sayram sulla Via della Seta e crebbe come centro di mercato per il commercio tra i nomadi turchi. Negli anni, prima l’architettura islamica e poi quella sovietica del 19° secolo, hanno trasformato la città. Una guida locale ci introdurrà in questa storia millenaria con un nostro tour intorno a Shymkent.

 

L’antica città di Otrar ed il mausoleo di Arystan Bab

Il nostro viaggio per il Turkestan prosegue attraverso le rovine di Otrar, antico insediamento distrutto dalle invasioni mongole di Gengis Khan nel 1219. Gli scavi iniziati nel 1969 hanno riportato alla luce resti di numerose strutture in mattoni, tra cui un palazzo, moschee, uno stabilimento balneare e forni. Prima di arrivare nella città di Turkestan, facciamo una sosta al mausoleo di Arystan Bab.

Incluso: colazione, van privato con conducente, guida in inglese

Cassa comune: eventuali ingressi a siti archeologici

Non incluso: pasti e bevande dove non indicato

giorno 6

Le cupole turchesi del Turkestan

history
100 %
culture
80 %
relax
20 %
Turkestan city

Durante un'epoca del tardo Medioevo, il Turkestan, era un luogo di soggiorno per i deputati timuridi e poi shaybanidi. I Khan kazaki scelsero la città come loro capitale e centro della vita spirituale musulmana di tutte le terre a loro soggette. Ben presto la città divenne un grande polo commerciale, un luogo di trasbordo per mercanti di vari paesi, un luogo per viaggiatori di diversi paesi. Visiteremo Il famoso Mausoleo di Hodja Ahmed Yasawi, primo sito kazako patrimonio UNESCO nel 2002, dedicato poeta turco sufi, uno dei primi mistici che esercitò una potente influenza sullo sviluppo degli ordini sufi in tutto il mondo di lingua turca. Costruito alla fine del XIV secolo, la sua architettura ricorda molto quella Uzbeka, infatti la leggenda narra che anche questo mausoleo sia stato voluto dal conquistatore mongolo Tamerlano ne ordinò la costruzione sul lato della tomba di Khoja Ahmed Yasawi. La doppia cupola dalle caratteristiche tegole turchesi misura 28 metri di altezza ed è la più grande costruita nell’Asia centrale. Rientriamo a Shymkent nel pomeriggio e volo interno per Aktau con arrivo in serata

Incluso: van privato con conducente, guida in inglese, colazione, volo interno da Shymkent ad Aktau

Cassa comune: eventuali ingressi a siti archeologici

Non incluso: pasti e bevande dove non indicato

giorno 7

On the road alla scoperta del grandioso Mangystau

nature
50 %
history
50 %
culture
80 %
party
10 %
Avventura in 4x4

Saliamo sulle nostre jeep direzione Zhygylgan, un'enorme scogliera a forma di mezzaluna, che gli scienziati dicono si sia formata un milione di anni fa a seguito di una pioggia di meteoriti. Alla base è possibile vedere tracce di animali erbivori e predatori del periodo Triassico (milioni di anni fa): tigri dai denti a sciabola, leoni, gli antenati degli odierni cavalli abitavano questa zona.

Quindi, proseguiamo verso il pittoresco Kapansay, uno stretto canyon di gesso, che colpisce per le sue pareti a strapiombo e uniformi, che raggiungono un'altezza di 70 metri. Faremo poi sosta alla moschea sotterranea di Shakpak-Ata, patrimonio UNESCO risalente a più di 1000 anni fa. Il design della moschea presenta somiglianze con alcune delle prime moschee persiane. Le tombe scavate nella roccia suggeriscono che questo santuario, fondato ancor prima dell'arrivo dell'Islam in questi territori, fosse un tempio zoroastriano.

Torysh, la valle delle sfere di pietra

Dopo pranzo, ci dirigiamo verso Torysh, una grande distesa arida occupata da centinaia di misteriose formazioni rocciose dalla forma sferica.Queste palle di pietra hanno una dimensione di circa 3-4 m di diametro. Il tempo di formazione è iniziato 180-120 milioni di anni fa. 

Una leggenda locale narra che sciami di invasori arrivarono come cavallette nel Mangystau. La gente del posto alzò le mani al cielo per pregare e chiedere aiuto e fu ascoltata. I cieli si aprirono con tempeste, tuoni e fulmini. In un attimo i nemici si trasformarono in pietre. Alla fine della giornata, arriviamo al villaggio etnico di Kogez per il pernottamento nelle tradizionali yurte kazake.

Incluso: jeep privata con guida in inglese, ingresso ai parchi, colazione, pranzo e cena

giorno 8

Tra deserti salati e cieli stellati

nature
100 %
culture
50 %
Il monte Sherkala

Il secondo giorno on the road inizia con un simbolo naturale del Kazakistan: la montagna multicolore di Sherkala. Da una certa angolazione, sembra una yurta gigante. Una delle leggende narra che un tempo cavalieri coraggiosi difendevano i loro territori da orde di nemici sul monte Sherkala. Combattevano come tigri. Gli ultimi cavalieri scomparvero nei passaggi sotterranei della montagna e vi rimasero per sempre. Da qui il nome di questo bastione dell'eroismo e dell'indipendenza: Sherkala o Città della Tigre.

L’immenso lago salato di Tuzbair

Il nostro percorso continua nello sterminato altopiano di Ustyurt, dove la natura ha creato un altro miracolo: il grandioso lago salato di Tuzbair. Prima lo ammiriamo dall’alto e poi scenderemo a fare una passeggiata lungo la distesa salata. Durante le forti piogge o lo scioglimento delle nevi, la palude salmastra si riempie d'acqua trasformandosi in un enorme specchio salino che riflette il cielo. Le scogliere di gesso sono scavate e crivellate di canali profondi che formano innumerevoli catene di fantastiche colonne. Alla fine del lago c'è un gigantesco semiarco naturale creato dal vento, il Tuzbair Arch. Al tramonto raggiungiamo il campo tendato. Passeremo la notte in tenda avvolti da un cielo stellato. Cena preparata sul fuoco nell'area del campeggio.

Incluso: jeep privata con guida in inglese ed ingresso ai parchi inclusi nella quota, colazione, pranzo e cena.

giorno 9

La Valle di Boszhira e le Tiramisù Hills

nature
100 %
culture
50 %
La Monument Valley Kazaka

Quest’ultimo giorno on the road guidiamo verso un luogo di straordinaria bellezza: la Valle di Boszhira. dove madre natura ha dato completa libertà alla sua immaginazione, creando un paesaggio ultraterreno nei toni del bianco. Qui tutto è bianco: canyon, vette, montagne-torri, montagne-castelli, montagne-yurte. Tra queste formazioni rocciose si erge la Bokty Mountain, una montagna a righe colorate adagiata nel deserto, che è raffigurata sulle banconote da 1000 tengè della moneta locale.

I colori delle montagne Tiramisù

Oggi pranzeremo al sacco in un posto unico al mondo, ai piedi delle colline Kyzylkup, meglio conosciute come Tiramisu Hills! Queste colline ricordano un tiramisù a causa delle bizzarre strisce orizzontali di roccia rosa tenue, bordeaux, grigia e bianca. Una facile salita ci permetterà di scattare delle foto pazzesche di questo luogo incredibile ancora poco conosciuto al turismo di massa. Sulla strada di ritorno per Aktau attraversiamo la depressione di Karagie, la quinta più profonda del mondo con una profondità di 132 metri sotto il livello del mare. Qui raggiungiamo un ottimo punto panoramico: la falesia del tratto Sautty. Il suo nome tradotto dalla lingua kazaka come "cavità nera". Torniamo alla civiltà di Aktau. Dopo aver fatto il check-in, andiamo in cerca di un ristorante tradizionale per la nostra ultima cena kazaka.

Incluso: jeep privata con guida in inglese ed ingresso ai parchi, colazione e pranzo

Non incluso: pasti e bevande dove non indicato

giorno 10

Arrivederci Kazakistan!

E’ tempo di salutarci

È arrivato il momento dei saluti, ma se i voli sono la sera tardi (sì, è un invito a prenderli il più tardi possibile) abbiamo ancora modo di visitare la città di Aktau insieme.

Fine dei servizi di WeRoad. N. B. Il programma del tour potrebbe subire variazioni, rispetto a quanto pubblicato, per motivi non prevedibili ed esterni alla volontà di WeRoad (condizioni climatiche, festività, scioperi, ecc.).

Vedi mappa