Itinerario - Corea del Sud 360°: da Seoul ai colori di Busan alle tradizioni delle province

A partire da
2.399 €
Itinerario
giorno 1

Benvenuti in Corea del Sud!

culture
100 %
Seoul ci aspetta

Il nostro viaggio inizia dalla capitale, Seoul, una metropoli in cui grattacieli, metropolitane ultramoderne e cultura pop convivono con templi buddhisti, architetture local (hanok) e mercati di strada. Dopo i controlli per l’ingresso nel paese siamo pronti a immergerci nella cultura locale e a farci travolgere dall’energia di questa città unica nel suo genere.  

Siamo così contenti di essere in Corea del Sud che non possiamo perdere tempo. 

E come si può avere un primo incontro con una nuova cultura senza passare dal cibo? Cominceremo a esplorare la città dal più moderno Dongdaemun Market, per poi perderci tra i profumi del più tradizionale e storico mercato di Gwangjang, uno dei simboli della capitale coreana. Cosa mangeremo? No spoiler, ma preparatevi ad assaggiare lo street food di una delle cucine più amate nel mondo!

I voli aerei da/per l'Italia non sono inclusi nel pacchetto, così potrai decidere da quale aeroporto partire, a che ora e con la compagnia aerea che preferisci... Questo per darti la massima libertà di scelta!

Check-in in hotel a Seoul e meeting di benvenuto, ecco qui come funziona il ritrovo!

giorno 2

Anneyonghaseyo, ciao Seoul!

history
40 %
culture
60 %
party
20 %
Seoul senza tempo: dal Palazzo di Gyeongbokgung al villaggio di Bukchon

La nostra avventura in questo Paese meraviglioso inizia con l’imponente palazzo di Gyeongbokgung, risalente all’epoca Joseon: è il più grande dei 5 palazzi che dominano la città, e il suo nome in coreano significa “palazzo della felicità splendente”. È proprio qui che avremo modo di assistere alla cerimonia del cambio della guardia; ci accorgeremo subito che la Corea è un paese all’avanguardia che strizza l’occhio al futuro, ma non potremo fare a meno di notare che la presenza della tradizione è una costante in tutta la città.

Il villaggio Hanok di Bukchon in contrasto con l’ipermodernità

La Corea del Sud è una nazione di contrasti viventi: la nostra seconda tappa di oggi ci permette di viverli da vicino esplorando il famoso villaggio Hanok di Bukchon, una zona ferma nel tempo che ospita più di 900 tradizionali coreane (hanok) risalenti all’epoca Joseon. 

Ci perderemo tra le viette senza tempo di questo quartiere, tra le sue salite e discese, respirando un’aria che ci trasporterà nell’epoca d’oro di questo Paese.

La carta dei trasporti di Seoul è inclusa nella quota viaggio. Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.

giorno 3

Tra storia e spiritualità: da Suwon a Beopjusa

nature
40 %
history
50 %
culture
50 %
relax
30 %
Un tuffo nel passato: Suwon

Ci alziamo presto e dopo aver fatto colazione salutiamo la capitale, che ritroveremo alla fine del nostro soggiorno in Corea. La nostra prima tappa è Suwon, una cittadina non distante da Seoul, famosa per essere l'ultima rimasta delle città fortificate della Corea. Qui ammiriamo la maestosità della fortezza Hwaseong, una costruzione che testimonia lo splendore dell’epoca Joseon, eletta Patrimonio UNESCO nel 1997.

La magia di Beopjusa

Ci lasciamo Suwon alle spalle, e ripartiamo in direzione Beopjusa. È tempo di lasciare indietro anche tutte le preoccupazioni che ci riempiono la vita ogni giorno, di svuotare la mente e di rilassare i muscoli. Entriamo all’interno del Parco Nazionale di Songnisa e ci prepariamo a vivere un’esperienza unica che proveremo poche altre volte nella vita. Dormiamo nel Tempio buddhista di Beopjusa: avvolti da un religioso silenzio accompagneremo i monaci nella loro routine quotidiana, condividendo con loro i momenti più importanti e alcuni rituali nel pieno rispetto delle loro regole.

Transfer, guida e servizio di pensione completa inclusi nella quota viaggio. Pasti e bevande a carico dei partecipanti dove non specificato.

giorno 4

Da Beopjusa ad Andong

nature
40 %
history
40 %
culture
70 %
Alla ricerca dello Zen

La sveglia suona prima dell’alba per i monaci buddhisti, e oggi sarà così anche per noi. Ci aspetta la cerimonia dello Yebool, il primo momento di riflessione e raccoglimento nella giornata dei monaci buddhisti coreani. Facciamo colazione prima di lasciare il tempio per dedicarci ad una rilassante passeggiata sulle pendici del Sujeongbong.

Andong e il fascino di Hahoe

Dopo l’ultimo pasto nel tempio riprendiamo i nostri bagagli e partiamo alla volta di Andong, la culla del Confucianesimo e la città che più di tutte incarna il fascino antico e lo spirito ospitale di questo meraviglioso paese. 

La nostra prima tappa è l’Hahoe Village, un villaggio storico e tradizionale abbracciato dalle acque del fiume che ha conservato il suo aspetto risalente all’epoca Joseon.

Hanji: impariamo a fare la carta coreana

Nel pomeriggio ci aspetta un’esperienza che ci farà fare un salto temporale proprio nel periodo Joseon: impariamo a fare l’Hanji, la tipica carta coreana fatta a mano e prodotta dalla corteccia di alberi di gelso che, si dice, può essere conservata per più di un millennio.

Transfer privato, guida e Hanji experience inclusi nella quota viaggio. Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.

giorno 5

Gyeongju, un museo a cielo aperto

nature
10 %
history
70 %
culture
30 %
Camminiamo sulla storia

Ci svegliamo presto e ci prepariamo a prendere il treno che da Andong ci porterà a Gyeongju. Qui si respira l’aria di un passato opulento e sontuoso: antica tappa finale della Via della Seta Marittima, questa città ci accoglie con la sua architettura tutta tradizionale senza la minima traccia di grattacieli o torri ultramoderne. Abbiamo tutto il giorno per goderci questo viaggio nel tempo. Dulcis in fundo, per completare la nostra esperienza tutta tradizionale, terminiamo la nostra giornata pernottando in una tradizionale casa coreana.

Transfer privato incluso nella quota viaggio. Pasti e bevande a carico dei partecipanti.

giorno 6

Verso Busan: tra modernità, spiagge e templi sul mare

history
50 %
culture
70 %
relax
30 %
party
20 %
Haedong Yonggungsa & Gwangan Bridge: il tempio e il ponte sul mare

Busan è la seconda città più grande della Corea del Sud, e come noteremo fin da subito, è un centro ricco di spunti interessanti. Dopo aver lasciato i nostri bagagli in hotel ci dirigiamo subito verso la nostra prima tappa, il meraviglioso Haedong Yonggungsa, un tempio suggestivo e unico perché uno dei pochi ad affacciare sull’oceano. 

Trascorriamo il pomeriggio e la serata all’insegna del relax ammirando il tramonto sull’iconico Gwangan Bridge dalla vicina spiaggia di Gwangalli.

Transfer privato e guida inclusi nella quota viaggio. Pasti e bevande a carico dei partecipanti.

giorno 7

I colori e i sapori di Busan

history
40 %
culture
70 %
Il villaggio culturale di Gamcheon e il Mercato del pesce di Jagalchi

Ci aspetta ancora un’intera giornata a Busan, e presto capiremo che quello di ieri è stato solo un assaggio. Cominciamo la nostra esplorazione perdendoci nel sorprendente dedalo di stradine che caratterizza il Villaggio Culturale di Gamcheon, un’immensa distesa di piccole case, costellata di botteghe, installazioni artistiche ed edifici dai colori vivaci simbolo di Busan. Alterneremo salite e discese, e una volta giunti in cima ci godremo il panorama mozzafiato. 

La camminata mattutina ci avrà sicuramente fatto venire una certa fame: per pranzo visitiamo il famoso mercato di Jagalchi, il mercato ittico più grande di tutta la Corea del Sud. Qui non ci sono mezze misure, vivremo un’esperienza a 360 gradi.

Shopping, relax e tramonti mozzafiato

Dopo pranzo ci meritiamo un po’ di relax nel famoso Parco Yongdusan, dal quale sarà possibile osservare anche la torre di Busan. Ci troviamo nei pressi di Nampodong, un quartiere vivace in cui avremo la possibilità di fare shopping e ammirare la vivacità di questa città. Non tarderemo troppo, però, perché come conclusione della nostra giornata ci aspetta un emozionante tramonto dall’Oryukdo Skywalk Bridge, una terrazza panoramica sul mare che si affaccia proprio di fronte all’omonima isoletta. 

La giornata volge al termine, ma la notte è giovane in Corea, godiamoci una serata all’insegna della vita notturna e dei Noraebang (Karaoke) nel magico quartiere di Seomyeon.

Trasporti locali, pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.

giorno 8

Suncheon: fuori dal sentiero turistico

nature
80 %
history
30 %
culture
30 %
La Corea inesplorata

Prima di rientrare nella caotica Seoul ci concediamo ancora una tappa off the beaten path, fuori dai sentieri turistici più battuti della Corea. Dopo la colazione raggiungiamo, insieme alla nostra guida privata, la meno conosciuta Suncheon. La nostra prima tappa è il tempio Seonamsa, un angolo di pace immerso nel verde e nel silenzio delle montagne coreane.

Conclusa la nostra visita ci spostiamo verso il Villaggio di Nakaneupsung, i cui abitanti conservano ancora il modo di vivere di un tempo. Ovunque troviamo immagini di serenità, il fascino pacifico di una zona di campagna, un’atmosfera completamente diversa dalla vita frenetica delle città. Nel pomeriggio ci attende una visita al Suncheon National Garden, ma questo non ve lo spoileriamo!

Transfer privato e guida inclusi nella quota viaggio. Pasti, bevande ed eventuali trasporti locali a carico dei singoli partecipanti.

giorno 9

Chiudiamo in bellezza: torniamo a Seoul!

culture
50 %
party
50 %
Gangnam: il benessere di Seoul

Partiamo prestissimo con un treno coreano superveloce e raggiungiamo di nuovo Seoul, pronti per chiudere questa esperienza coreana che non dimenticheremo mai. 

Siamo sicuri che almeno una volta avrete tutti ascoltato la hit di qualche anno fa, “Gangnam Style” di psy: ebbene sì, questa canzone prende il nome da un quartiere di Seoul, proprio quello che visiteremo oggi. Biblioteche stellate, grattacieli futuristici, templi, statue che celebrano star del k-pop: Gangnam testimonia tutto lo splendore di questa città che non finisce mai di sorprenderci. 

Sembra impossibile, ma siamo giusti al termine di questo incredibile viaggio, ma non possiamo andarcene senza esserci goduti l’ora del tramonto sorseggiando il tipico soju e qualche snack sulle sponde del Canale Cheonggyecheon, grati per aver potuto vivere tutto questo. Non possiamo lasciare la Corea senza farlo almeno un’ultima volta. Parliamo, ovviamente, del karaoke! Scaldiamo la voce, perché chiudiamo davvero in pieno stile coreano: si canta!

La carta dei trasporti di Seoul è inclusa nella quota viaggio. Pasti e bevande a carico dei singoli partecipanti.

giorno 10

Anneyongi keseyo: a presto, Corea!

culture
100 %
È tempo di salutarci

Purtroppo è giunto il momento del rientro a casa: siamo sicuramente più ricchi nel cuore e nello spirito, ci vediamo al prossimo WeRoad!

Fine dei servizi WeRoad. N.B. Il programma del tour potrebbe subire variazioni, rispetto a quanto pubblicato, per motivi non prevedibili ed esterni alla volontà di WeRoad (condizioni climatiche, festività, scioperi, ecc.)

Vedi mappa